Funziona la disinfezione ultravioletta nelle camere di ospedale?

Nel Children’s Hospital di Oakland in California è stato fatto un caso studio sull’efficacia della disinfezione ultravioletta nelle camere singole dopo la dimissione del paziente. E’ stato utilizzato il metodo della conta batterica CFU in 3 momenti diversi: prima della pulizia, dopo la pulizia e dopo il sistema U.V. 

I risultati del sistema disinfezione con ultravioletti

Le zone dove sono stati fatti i tamponi sono i pulsanti del letto, monitor, maniglie della porta, pulsante del scarico del wc, rubinetto del lavandino, telefono, tastiera e mouse, tavolino, cassettiera, interruttore della luce. 

I valori medi che sono risultati:

  • Prima della pulizia 116,6
  • Dopo la pulizia standard 29,06
  • Dopo il sistema U.V. 6,37

Il sistema a raggi ultravioletti ha previsto uno o due cicli di 5 minuti. 

Gli U.V. uccidono i patogeni inattivando il DNA. E’ un livello di sicurezza e protezione ulteriore. Raggiunge aree dell’ambiente che non sono raggiunte o sono dimenticate a causa dall’errore umano. 

E’ un sistema da tenere in considerazione in quesi casi dove è richiesta la massima attenzione e disinfezione degli ambienti. Io non ho mai visto applicare questo sistema ma lo seguo con a interesse per vedere risultati e possibili applicazioni nel sistema delle pulizie professionali. 

A presto! 

Ascolta la nota audio e iscriviti al canale Telegram di Soluzioni per Pulire. Ogni mattina una breve nota audio e un link per l’approfondimento.  

The following two tabs change content below.
Aiuto imprenditori e professionisti del pulito a creare valore e generare cultura al proprio lavoro. Fondatore di soluzioniperpulire.it collaboro con varie realtà per diffondere l'importanza delle pulizie professionali come strumento di prevenzione e salute delle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *