Come verificare la pulizia in un ospedale. Scopri gli strumenti per controllare la pulizia e igiene.

Monitorare lo stato di pulizia in un ospedale è utile per evitare il proliferarsi di contaminazioni batteriche, certificare la stato di igiene e qualificare il lavoro di pulizia. Ci sono diversi strumenti che aiutano a verificare e controllare. Il metodo migliore è alternare i vari strumenti. 

Ascolta la nota vocale sul canale Telegram di Soluzioni per Pulire >>> ACCEDI AL CANALE TELEGRAM

Come controllare lo stato di pulizia?

Le metodologie attuali per verificare lo stato di pulizia sono tre. Usati non solo nell’ambiente ospedaliero ma anche nell’industria alimentare, uffici, ambulatori medici e in tutti quei luoghi dove si vuole verificare la qualità del pulito. 

  1. Vista, è la verifica più facile e approssimativa da fare. Si guarda lo sporco accumulato o la presenza di ragnatele. Tutto quello che è visibile all’occhio umano. 
  2. Culture microbiologiche, per monitorare i livelli di batteri. Si usano diversi metodi. Solitamente vengono usati i tamponi o piaste. Fanno una valutazione semi quantitativa rilevando la presenza o assenza di agenti patogeni, e una quantitativa per la conta della colonia aerobiche. 
  3. Strumenti di valutazione del processo, sono i marcatori fluorescenti e il bioluminometro. I marcatori vengono messi prima di pulire una superficie e la verifica viene fatta dopo il passaggio con una luce a raggi U.V. Il bioluminometro rivela la bioluminescenza dell’adenosina trifosfato ATP. In pratica rivela la valutazione energetica delle cellule viventi, attraverso il RLU l’unità di luce relativa. E’ composto da degli stick che vengono strofinati sulla superficie e poi misurati da un apparecchio che mi da un indice di rilevazione. Più alto è l’RLU più alto è l’ATP. 
Il metodo migliore è fare delle prove incrociate. Alcuni metodo sono costosi, altri più economici come i marcatori fluorescenti. 

Nella foto trovi le superfici da controllare. 

A presto!

The following two tabs change content below.
Aiuto imprenditori e professionisti del pulito a creare valore e generare cultura al proprio lavoro. Fondatore di soluzioniperpulire.it collaboro con varie realtà per diffondere l'importanza delle pulizie professionali come strumento di prevenzione e salute delle persone.

1 commento su “Come verificare la pulizia in un ospedale. Scopri gli strumenti per controllare la pulizia e igiene.”

  1. Oltre a quanto mostrato vi segnalo che gli operatori mercatali fanno i loro bisogni in buste di plastica che poi lasciano a terra. E che non vengono raccolte da chi poi effettua la pseudo pulizia post mercato. L”ASL, vigili urbani, i NAS , cosa fanno ? E poi la pulizia che viene effettuata dopo il mercato tutto può dirsi tranne che pulizia. Provate a passare nel pomeriggio nell”area mercatale e sentirete che odorini restano. Via il mercato da quegli spazi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *